Nitruro di Boro Esagonale

Antiattrito nelle moto

Home  >>  Senza categoria  >>  Antiattrito nelle moto

Antiattrito nelle moto

On ottobre 6, 2015, Posted by , In Senza categoria, With Commenti disabilitati su Antiattrito nelle moto

2013-Husqvarna-Nuda-900R-BurnoutMoltissimi ci chiedono se il nitruro di boro esagonale o il disolfuro di tungsteno si possono utilizzare nei motori delle moto con frizione a bagno d’olio.
La risposta è SI ! Senza controindicazioni, senza problemi di slittamento.

Entrambi i prodotti non si attaccano ai ferodi del pacco frizione per due motivi:

-1 ) Il materiale di attrito della frizione è incompatibile

-2) Vi è un continuo attrito tra i dischi e pertanto non è possibile la fissazione dell’antiattrito .

Basti pensare che già l’olio motore base di per se stesso ha proprietà di lubrificazione e pertanto dovrebbe far slittare i dischi, ancor peggio se utilizziamo olii già in commercio con prodotti a base di molibdeno, teflon, grafite, fullerene o altro … ma in realtà non è così proprio per i motivi sopra elencati.

Le qualità che maggiormente si avvertiranno sul motore di una moto, oltre all’elevatissima protezione fornita contro le rotture meccaniche, saranno principalmente nell’erogazione più fluida e lineare, facendo diminuire ed in alcuni casi sparire l’effetto ON-OFF durante la parzializzazione dell’acceleratore tra le curve. A seguire a regime di giri costante durante i trasferimenti autostradali si noterà un calo dei consumi per seguire con leggero aumento delle prestazioni a tutti i regimi di giri, ma più avvertibile ai bassi quando il motore deve riprendere con le marce alte inserite.

Oltretutto in particolar modo il nitruro di boro esagonale riduce notevolmente l’ossidazione dell’olio durante il periodo invernale a seguito dei lunghi periodi di sosta della moto. In questo caso chi non raggiunge il chilometraggio di sostituzione dell’olio tra un tagliando e l’altro ma supera quello temporale, avrà comunque una protezione totale al primo avviamento primaverile.

Nei motori delle moto d’epoca ridona nuova vita ai vecchi motori che non sono stati restaurati o rettificati e consente il loro utilizzo nella massima affidabilità anche quelli interamente rifatti.

Nei motori delle moto la quantità di additivo in rapporto ai chilometri da rispettare è sempre duplicato rispetto alle auto pertanto si deve considerare la seguente formula :

5 grammi per litro di olio fino a 25000 km

7,5 gr per litro di olio dai 25000 ai 50000 km

10 gr. per litro di olio sopra i 50000 km

 

 

 

Condividi la tua esperienza !
Comments are closed.
Simple Share ButtonsCondividi la tua esperienza !
Simple Share Buttons